L’attacco dei ciberuomini

collana luce e tenebra

 

Caretta-copertina

Andrea Carretta

Tricicli siderali

L’attacco dei ciberuomini

Collana: Luce e tenebra
2017, pagg. 103
isbn: 9788899757076
euro 10,00

In questo incredibile libro, c’è di tutto, l’inusitato e il di già noto, la battaglia medievale e lo scontro interstellare, i robot più avveniristici, opportunamente catalogati per significatività d’impiego, e le scansioni del tempo, ora simili a quelli che conosciamo, ora del tutto impensabili. Ma la bellezza di una storia non è solo nella sua capacità di tenere avvinti, sta anche nell’essere scritta, cioè di rimanere impressa nella nostra memoria, ricordata, finendo, man mano che le pagine scorrono, per diventare qualcosa di familiare. I personaggi ci accompagnano, assumono via via una fisionomia sempre più precisa, scandita dalle vicende ma anche dalle singole parole che essi pronunciano, dai sottintesi che lasciano immaginare, dalle sorprese che preannunciano, dai risvolti impensabili della medesima storia, mai truculenta né orrifica, ma sempre garbata e raffinata.

Compra-su-Amazon

 

In questo incredibile libro, c’è di tutto, l’inusitato e il di già noto, la battaglia medievale e lo scontro interstellare, i robot più avveniristici, opportunamente catalogati per significatività d’impiego, e le scansioni del tempo, ora simili a quelli che conosciamo, ora del tutto impensabili. Ma la bellezza di una storia non è solo nella sua capacità di tenere avvinti, sta anche nell’essere scritta, cioè di rimanere impressa nella nostra memoria, ricordata, finendo, man mano che le pagine scorrono, per diventare qualcosa di familiare. I personaggi ci accompagnano, assumono via via una fisionomia sempre più precisa, scandita dalle vicende ma anche dalle singole parole che essi pronunciano, dai sottintesi che lasciano immaginare, dalle sorprese che preannunciano, dai risvolti impensabili della medesima storia, mai truculenta né orrifica, ma sempre garbata e raffinata.In questo incredibile libro, c’è di tutto, l’inusitato e il di già noto, la battaglia medievale e lo scontro interstellare, i robot più avveniristici, opportunamente catalogati per significatività d’impiego, e le scansioni del tempo, ora simili a quelli che conosciamo, ora del tutto impensabili. Ma la bellezza di una storia non è solo nella sua capacità di tenere avvinti, sta anche nell’essere scritta, cioè di rimanere impressa nella nostra memoria, ricordata, finendo, man mano che le pagine scorrono, per diventare qualcosa di familiare. I personaggi ci accompagnano, assumono via via una fisionomia sempre più precisa, scandita dalle vicende ma anche dalle singole parole che essi pronunciano, dai sottintesi che lasciano immaginare, dalle sorprese che preannunciano, dai risvolti impensabili della medesima storia, mai truculenta né orrifica, ma sempre garbata e raffinata.